eTraduzioni Studio Forenix

Legalizzazione Documenti al Consolato della Libia

legalizzazione documenti al consolato della libia.jpg

Può capitare in molteplici circostanze differenti di aver bisogno di rendere giuridicamente valido in Libia un documento italiano: al di là della notevole importanza che la Libia può vantare dal punto di vista degli equilibri politici internazionali, infatti, c’è da evidenziare che Libia e Italia sono davvero molto vicine, pur appartenendo a continenti diversi, di conseguenza i rapporti tra i due paesi sono sempre molto vivi.

Per esibire con pieno valore giuridico in Libia un documento rilasciato dal Governo Italiano la semplice traduzione non è sufficiente, ed è necessario eseguire un processo cosiddetto di legalizzazione.

Per legalizzazione si intende appunto un particolare iter burocratico attraverso il quale un documento acquisisce piena validità legale in una nazione differente rispetto a quella in cui è stato originariamente rilasciato.

Studio Forenix, agenzia specializzata in servizi di traduzione e di interpretariato, vanta una notevole esperienza nell’ambito della legalizzazione di documenti, e può offrire un servizio di legalizzazione documenti per la Libia assolutamente completo, esonerando il cliente da qualsiasi incombenza di carattere burocratico.

Se si vuol legalizzare per la Libia un documento di qualsiasi natura, che si tratti di un documento riguardante una persona fisica o una società, Studio Forenix può rispondere a tale esigenza in modo professionale e tempestivo.

Traduzione e legalizzazione consolare documenti per l’estero
Come detto in precedenza, la legalizzazione è il processo necessario affinché un determinato documento divenga giuridicamente valido in un paese differente rispetto a quello in cui è stato emesso, ma qual è l’iter burocratico che deve essere seguito?

Per rispondere a questa domanda è necessario fare una distinzione, ovvero quella tra nazioni che hanno ratificato la Convenzione dell’Aja e nazioni che, al contrario, hanno scelto di non aderire a questo progetto internazionale.

La Convenzione dell’Aja è un accordo che fu formalizzato presso la città olandese di L’Aja nel 1961, con l’obiettivo di rendere più snelli, appunto, i processi burocratici di legalizzazione dei documenti.
Nello specifico, la Convenzione dell’Aja ha stabilito che la legalizzazione di un documento si potesse concludere tramite una semplice certificazione, denominata apostilla.

Sono davvero numerosi i paesi che hanno scelto di aderire alla Convenzione dell’Aja, e il gruppo di paesi ratificanti è cresciuto ulteriormente nel corso dei decenni.

Per tutti i paesi che non hanno aderito a tale accordo internazionale la legalizzazione di documenti di vario tipo è comunque eseguibile, tuttavia è necessario seguire un iter più complesso che prende il nome di legalizzazione consolare.

La legalizzazione consolare si chiama così per il fatto di coinvolgere in modo diretto un consolato; la Libia è una delle nazioni che hanno scelto di non aderire alla Convenzione dell’Aja, di conseguenza per completare un processo di legalizzazione di questo tipo è necessario interpellare un consolato libico presente sul territorio italiano.

Documenti italiani da inviare in Libia
L’approvazione definitiva da parte del consolato rappresenta esclusivamente lo step finale di un processo di legalizzazione, vediamo dunque quali sono tutte le altre fasi attraverso cui un documento rilasciato dal Governo Italiano può divenire legalmente valido in Libia.

Anzitutto c’è da considerare che il documento deve essere tradotto, e solo ed esclusivamente un traduttore esperto e regolarmente iscritto al relativo albo può eseguire un’operazione di questo tipo.

Quando il lavoro di traduzione dall’italiano all’arabo (o inglese, in alcuni casi) è stato concluso, il traduttore è chiamato a compiere la cosiddetta asseverazione, una sorta di giuramento tramite cui il professionista dichiara ufficialmente di essere in buona fede e di non aver dubbi circa la traduzione eseguita.

Dopo l’asseverazione della traduzione in Tribunale la legalizzazione si concretizza in un step successivo attraverso un ente pubblico italiano, ovvero la Procura della Repubblica, dopodiché viene interpellato un consolato della Libia presente sul territorio italiano affinché il processo possa ritenersi definitivamente concluso.

Legalizzazione documenti italiani presso il consolato della Libia
Studio Forenix è in grado di occuparsi della legalizzazione di documenti italiani presso il consolato della Libia in modo completo, assegnando il compito di traduzione e di asseverazione ad uno dei propri traduttori madrelingua ed occupandosi in totale autonomia di tutti gli step burocratici necessari.

Inutile dire che per il privato che ha questo tipo di necessità sarebbe assai complesso provvedere autonomamente alla legalizzazione, dovendo dapprima individuare un traduttore italiano-arabo regolarmente iscritto all’albo in grado di eseguire un’asseverazione, e dovendo in seguito rivolgersi a diversi enti per il disbrigo delle pratiche burocratiche.

Il servizio di Studio Forenix include tutte queste fasi, di conseguenza chi sceglie questa agenzia non deve preoccuparsi di nulla se non di presentare il documento italiano che si intende rendere valido in Libia, che si tratti di un certificato di residenza, di un casellario giudiziale, di un atto societario di qualsiasi altra tipologia ancora.

Studio Forenix sa offrire dunque le migliori garanzie a chi necessita di un intervento di legalizzazione di documenti italiani per la Libia, e questa agenzia sa rispondere in modo impeccabile, all’insegna della massima efficienza, anche alle necessità contraddistinte da una particolare urgenza.


I nostri contatti:

Il nostro indirizzo:

   Via N.Tommaseo, 72
   (fronte Tribunale di Padova)
   35131 PADOVA
   ITALIA

Telefoni:

   +39 049.616268
   +39 327.0870685
   +39 389.5595210

Fax:

   +39 049.616268

Email:

   info@studioforenix.com

Latest News:



Copyright © 2014-2015 eTraduzioni.it