eTraduzioni Studio Forenix

Legalizzazione Documenti Consolato Cina

legalizzazione documenti consolato cina.jpg

Se si ha necessità di effettuare delle legalizzazioni presso il consolato della Cina si può fare affidamento su Studio Forenix, agenzia che si occupa a 360 gradi di traduzioni e di interpretariato la quale può garantire ottimi risultati a chi ha questo tipo di esigenze.

Il cosiddetto processo di legalizzazione ha come finalità quello di rendere pienamente valido dal punto di vista legale un documento in un paese differente rispetto a quello in cui è stato rilasciato; un documento scritto in italiano e rilasciato dal Governo Italiano, dunque, può divenire valido in Cina se opportunamente sottoposto ad uno specifico processo burocratico.

L’importanza della Cina a livello internazionale non ha certamente bisogno di presentazioni, di conseguenza dei servizi di legalizzazione di documenti ufficiali possono interessare in tantissime occasioni sia i privati che le società.

Studio Forenix vanta una grande esperienza nel mondo delle legalizzazioni, e può rispondere al meglio alle esigenze di legalizzazione di documenti italiani da utilizzare con piena validità giuridica in Cina.

Rivolgersi a Studio Forenix per una legalizzazione per la nazione cinese significa non doversi preoccupare assolutamente di nulla, se non di esporre la propria esigenza: l’agenzia, infatti, provvede al servizio in modo totale ed autonomo, occupandosi non solo dell’aspetto prettamente tecnico, quindi dell’effettuazione della traduzione, ma anche di tutti gli step burocratici necessari per rendere la traduzione in cinese del documento a tutti gli effetti legalizzata.

Vediamo dunque quali sono le varie fasi tramite cui un documento rilasciato dal Governo Italiano può divenire a tutti gli effetti valido in Cina, e qual è, da questo punto di vista, l’approccio professionale di Studio Forenix.

Traduzione e legalizzazione consolare documenti per l’estero
Se si intende effettuare la legalizzazione di un documento per la Cina è necessario procedere attraverso quella che è definita, in gergo tecnico, “legalizzazione consolare”.

Questo tipo di legalizzazione deve questo nome al fatto di coinvolgere direttamente un consolato, e si rende necessaria solamente per alcuni paesi.

Nel 1961, infatti, diverse nazioni aderirono alla cosiddetta Convenzione dell’Aja, un accordo internazionale attraverso cui è stato stabilito che la legalizzazione dei documenti può essere effettuata, nell’ambito di tutti i paesi ratificanti, tramite dei processi burocratici più snelli.

Tra i paesi aderenti alla Convenzione dell’Aja, i quali peraltro sono costantemente cresciuti nel corso della storia, la legalizzazione di un documento di qualsiasi tipologia può essere effettuata tramite l’ottenimento di una certificazione denominata apostilla, procedimento tramite cui è possibile evitare l’intervento consolare.

Per i paesi non ratificanti, invece, la legalizzazione dei documenti è di tipo consolare, dunque l’iter burocratico necessario può completarsi solo ed esclusivamente interfacciandosi con il consolato di riferimento, in questo caso con un consolato cinese in Italia.

Documenti italiani da inviare in Cina
Se si vuol rendere valido un documento italiano sul territorio cinese, dunque, è necessario effettuare una serie di operazioni, vediamo nello specifico quali sono.

Anzitutto è necessario far eseguire la traduzione del documento in questione, e da questo punto di vista può essere utile esclusivamente un professionista regolarmente riconosciuto ed abilitato.

Al termine dell’esecuzione della traduzione, il traduttore professionista esegue la cosiddetta asseverazione, uno step attraverso il quale il traduttore si assume piena responsabilità circa quanto tradotto, dichiarando di essere in buona fede e soprattutto di non aver nessun dubbio dal punto di vista tecnico.

Una prima fase della legalizzazione avviene attraverso il coinvolgimento della Procura della Repubblica, in seguito come detto la legalizzazione definitiva viene effettuata tramite il coinvolgimento di un consolato cinese presente in Italia.

Legalizzazione documenti italiani presso il consolato della Cina
La legalizzazione di documenti italiani presso il consolato cinese rappresenta dunque l’ultimo, indispensabile step per completare questo processo burocratico.

Per un privato, o anche per una società, portare a termine una legalizzazione richiederebbe un notevole dispendio di tempo e di risorse, anche perché il numero di consolati cinesi in Italia non è certamente alto; affidandosi ad un’agenzia specializzata come Studio Forenix è possibile non solo assicurarsi un risultato qualitativamente eccellente, ma anche non dover badare ad alcun adempimento, dal momento che l’azienda provvede autonomamente a ogni step burocratico necessario.

Se si necessita della legalizzazione di un documento ufficiale di qualsiasi tipo per la Cina, dunque, non bisogna far altro che rivolgere la propria richiesta: Studio Forenix fornirà in tempi estremamente tempestivi il documento di interesse già tradotto, asseverato e legalizzato.

Studio Forenix rappresenta dunque un validissimo punto di riferimento per ogni esigenza legata alla legalizzazione di documenti, sia per quanto riguarda le legalizzazioni consolari, come è appunto il caso di quelle relative alla Cina, sia per quelle riguardanti nazioni che hanno aderito alla Convenzione dell’Aja.

Oltre a curare con massima professionalità ogni aspetto del servizio, Studio Forenix bada con gran rigore anche alla tempestività, essendo ben consapevole delle urgenze che possono riguardare i clienti: il documento di interesse è fornito tradotto e legalizzato in brevissimo tempo, anche grazie ai solidi rapporti collaborativi che l’agenzia ha instaurato e consolidato nel corso degli anni con consolati ed altri enti pubblici.


I nostri contatti:

Il nostro indirizzo:

   Via N.Tommaseo, 72
   (fronte Tribunale di Padova)
   35131 PADOVA
   ITALIA

Telefoni:

   +39 049.616268
   +39 327.0870685
   +39 389.5595210

Fax:

   +39 049.616268

Email:

   info@studioforenix.com

Latest News:



Copyright © 2014-2015 eTraduzioni.it